Ebbene sì, è il mio compleanno! Tempo di bilanci?

657
4

Una persona a me cara, una volta, augurandomi buon compleanno mi ha suggerito di non fare bilanci. Consiglio molto saggio, che però io disattendo puntualmente. Per me infatti il compleanno è un po’ come il capodanno. Quel momento dell’anno in cui tracciare una linea e tirare le somme. Perciò eccomi qui a fare il mio consueto bilancio. il trentottesimo.

Certo non si può dire che questo non sia stato un anno particolare. Esattamente un anno fa si sono verificate delle condizioni che mi hanno portato, pochi mesi dopo, a dover lasciare il lavoro (che comunque non mi piaceva, ma di certo mi dava da vivere), poi il covid ed il lockdown. Insomma, non ci siamo fatti mancare nulla!

Questi ultimi mesi ci hanno messo tutti alla prova, costringendoci ad affrontare molte delle nostre paure più profonde: malattia, morte, solitudine. L’isolamento forzato ci ha costretti a fare i conti con noi stessi, regalandoci tempo. Tempo nuovo e diverso, scandito da call di lavoro, bollettini medici ed impasti per pizze.

Sapete io come ho usato questo tempo? L’ho usato per guardarmi allo specchio. Uno specchio di quelli che riflettono anche pensieri, i desideri, le angosce, i sogni. Chi sono? Cosa voglio essere? Dove sono? Dove voglio andare? Queste le domande che ho rivolto all’ immagine riflessa di me che mi si è presentata davanti agli occhi.

Alcune delle risposte che mi sono data mi hanno soddisfatto: sono una donna matura, forte, indipendente, con le idee chiare, coraggiosa, sempre ottimista, sicura, e che è stata capace di affrontare tutte le cadute rialzandosi su gambe più forti di prima!

Altre invece mi sono piaciute meno, e mi hanno portato ad altre importanti domande: Sto davvero lavorando per realizzare i miei sogni? Cosa sto facendo per cercare di essere spudoratamente felice? La risposta è stata: molto meno di quanto potrei!.

La conseguenza è stata che alla fine mi sono rimboccata le machine ad ho cercato di cambiare rotta (ed in parte lo sto ancora facendo).

Per questo posso dire che, nonostante le difficoltà e a dispetto delle aspettative, forse non ci crederete, ma il bilancio del mio anno è più che positivo!

Nell’ultimo anno, ho costruito questo blog, sto provando a fare finalmente un lavoro che mi piace e che mi soddisfa ed in ultimo, ma non ultimo, questo è l’anno in cui Matteo è entrato nella mia vita. E queste tre cose insieme mi rendono davvero felice!

Certo, tante cose ancora mi mancano. Qualche conferma lavorativa in più, un po’ più di solidità economica, e magari un fiocco davanti alla porta di casa. Ma come sapete io non smetto mai di credere, di sperare e di lottare, perciò sono sicura che arriverà tutto al momento debito!

Intanto mi godo questo strano compleanno, senza festa e senza amici, nel quale ho comunque il meglio che potessi desiderare per questa giornata: Matteo e la torta di Ernest Knam! Tanti auguri a me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Pensieri in Padella © Copyright 2020. All rights reserved.
Close